Dichiarazione dell'artista

Con i miei dipinti esploro modi per dare forma ai miei pensieri e alle mie comprensioni astratte. In parte su cosa significa vivere. In parte sulla connessione tra l'individuo e la società. In parte su quali forze motrici, desideri ed emozioni guidano il cambiamento politico. Principalmente in termini di sostenibilità ecologica, sociale ed economica. Vedo i miei motivi come spazi mentali tra realtà e linguaggio.

Cerco collegamenti tra gli eventi del mondo e le mie esperienze personali. Il mio obiettivo è esprimere la mia comprensione del presente. Per comprendere meglio questi temi, rifletto sulle mie esperienze e su quelle della mia comunità, agendo come quasi psicoanalista. Attraverso i miei dipinti mi sforzo di dipingere un pantano mentale senza dettare come pensare o agire. Spero che i miei dipinti incoraggino lo spettatore a vagare ed esplorare i propri pensieri.

Trovo conforto nel dipingere le distopie, poiché forniscono uno sguardo al presente e un monito per il futuro. Servono anche a ricordare la resilienza della natura, anche nelle circostanze più desolate.

I miei dipinti raffigurano spesso tensioni psicologiche e incontri tra persone. Oppure possono rappresentare una spiacevole e palpabile mancanza di incontri interpersonali.